La mia nemica Insonnia | Cos’è e cosa possiamo fare
14/03/2021
0

L'insonnia è un problema molto diffuso nelle varie fasce d'età. Solo il 41% delle persone che ne soffrono si rivolge al medico. Una percentuale ancor più bassa chiede aiuto ad uno psicologo, tuttavia l'insonnia ha molti risvolti psicologici.

La carenza o l'assenza di sonno può essere un ostacolo perché quando si dorme poco si è più stanchi, irritabili e meno efficienti nel lavoro.

Spesso per l'insonnia si usano prodotti farmaceutici e prodotti erboristici, talvolta efficaci nel breve termine, ma che non risolvono il problema alla radice.

Cos'è il disturbo da insonnia?

Dal manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), utilizzato in ambito psicologico e medico, il disturbo da insonnia è definito come l'insoddisfazione riguardo la quantità o la qualità del sonno, associata a uno o più dei seguenti sintomi:

  1. Difficoltà a iniziare il sonno

  2. Difficoltà a mantenere il sonno

  3. Risveglio precoce al mattino con incapacità a riaddormentarsi.

Il disturbo del sonno provoca molto disagio alla persona. Per parlare di insonnia, i problemi relativi al sonno devono essere presenti almeno tre volte alla settimana e avere una durata di almeno tre mesi. La durata del sonno non è un parametro per la diagnosi di disturbo da insonnia.

Le cause dell'insonnia non sono attribuite ad altri disturbi o ad effetti di sostanze (come alcool, droghe, caffeina).

Come viene spiegata l'insonnia? Le principali cause

In psicologia, ci sono 4 modelli che spiegano i motivi che causano l'insonnia:

  • Modello di iperattivazione: non si riesce ad addormentarsi perché c'è un livello elevato di attivazione muscolare. Può capitare che la persona si muova molto nel letto, sia tesa a livello muscolare o abbia appena fatto attività sportiva. Come è risaputo, un sistema per stare svegli consiste nel muoversi. L'attivazione può essere dovuta anche a pensieri e emozioni forti. Le tecniche utilizzate nel trattamento sono il rilassamento muscolare o il training autogeno.

  • Modello ambientale: l'addormentamento è condizionato da ciò che è presente nel luogo in cui si dorme o da quello che si fa prima di dormire. La presenza di luce, di un suono, o di un rumore possono rendere difficile il sonno, come anche alcune abitudini scorrette. In questo caso si provvede ad impostare una corretta “igiene del sonno”: si modificano le abitudini o gli elementi presenti nella camera per migliorare la qualità del riposo.

  • Modello cognitivo: molte persone fanno fatica a dormire perché iniziano a preoccuparsi. Pensano spesso al giorno successivo, al motivo per cui non riescono ad addormentarsi, ai rimpianti, ai ricordi. Ciò sicuramente non aiuta il sonno. Lo psicologo agisce nell'ambito cognitivo (pensieri ed emozioni). Questo modello è il più complesso e richiede specifica formazione del terapeuta.

  • Modello integrato: è il più recente e integra i tre modelli precedenti, tenendo conto dell'attivazione, dell'ambiente e dei pensieri. L'intervento che il terapeuta propone parte da uno dei modelli e procede con gli altri, in base alle esigenze della persona.

Cosa posso fare per ridurre l'insonnia?

Esistono dei consigli che possono essere utili per provare a ridurre l'insonnia:

  1. andare a letto solo quando si ha sonno. “Sforzarsi” di dormire è poco utile e controproducente perché “attiva”

  2. non guardare continuamente la sveglia se non si riesce ad addormentarsi perché aumenta il nervosismo

  3. non restare a letto se non si riesce ad addormentarsi ma alzarsi

  4. alzarsi alla mattina preferibilmente alla stessa ora

  5. evitare di fare riposini pomeridiani

  6. se ci si sveglia e non si riesce a riaddormentarsi è meglio alzarsi

  7. bere poco alcool e caffè durante la giornata

  8. svolgere attività fisica durante il giorno perché se svolta alla sera è attivante e un ostacolo all'addormentamento.

Se pensi di soffrire di disturbo da insonnia e hai già provato a fare tutto quello che consigliamo, vuol dire che necessiti di un supporto psicologico specializzato. In tal caso non esitare a contattarci, ti forniremo l'aiuto di cui hai bisogno.

Ricorda che ogni paziente è come un fiocco di neve, unico e irripetibile, perciò l'intervento del terapeuta sarà personalizzato e personalizzabile come un vestito di sartoria.